Consiglio per gli ascolti 2015

Giunti ormai alla fine dell’anno e volendo condividere della ottima musica con tutti voi non mi resta che segnalare quella  che a mio personalissimo e umilissimo giudizio  è stata una delle pubblicazioni più riuscite tra le innumerevoli di questo 2015.

Mi riferisco all’album The Now del pianista Aaron Goldberg con il suo  consolidatissimo trio(Reuben Rogers al contrabbasso ed Eric Harland  alla batteria) che da quasi vent’anni è una delle realtà più solide e interessanti del panorama jazzistico mondiale……..ci sono stati veramente tanti dischi notevoli e non potrei non segnalarveli alcuni come per esempio l’ultimo lavoro di John Scofield in quartetto dal titolo Past Present oppure l’originale e super creativo disco di Zhenya Strigalev Robin Goodie oppure Homes del Chitarrista Gilad Hekselman o il ritorno sulle scene di Avishai Cohen con From Darkness o il sempre divino Milton Nascimento con Tamarear che ha 70 anni suonati canta, ma sopratutto trasmette emozioni ancora come pochi  al mondo sanno fare…….allora perchè ho scelto The Now?

I motivi sono tanti: primo  perchè come sempre,saranno le sua dita o sarà la qualità della registrazione(molto probabile che sia una commistione tra le due cose) Aaron Goldberg ha uno dei suoni più belli che io abbia mai sentito di pianoforte, il quale si bilancia perfettamente con il resto degli strumenti ripresi anch’essi in maniera tale da raggiungere un’altissima qualità dei suoni.

Secondo perchè Goldberg, come quasi sempre sceglie di fare nei suoi lavori, omaggia con gran classe uno dei miei generi musicali preferiti:la musica popolare brasiliana……trocando em miudos di Chico Buarque triste baia de guanabara( interpretata originalmente dall’immenso Djavan) e la splendida Francisca del grande chitarrista  Toninho Horta sono i brani scelti per questo disco .  C’è anche spazio per altre rivisitazioni di brani non originali come Perhaps di  Charlie Parker e Background Music di Warne Marsh (qui in una  versione con brio!!!!!!!) oltre a brani originali che spaziano da ballad introspettive come  The Wind In the Night  a brani come E-Land in cui si strizza l’occhio ad un certo tipo di jazz  più contemporaneo e poi …… c’è il terzo motivo per cui ho scelto questo disco.

L’ultimo brano One Life ,che  compositivamente si va un poco a distaccare da tutto il  resto del disco, ha come special guest il chitarrista  Kurt Rosenwinkel……..l’atmosfera che riescono a creare, l’empatia naturale tra i musicisti ma soprattutto l’improvvisazione  piena  di  gusto e sensibiltà fuori dal comune di Rosenwinkel stesso mi hanno davvero colpito e convinto a cosigliarvi questo lavoro!!!!!

Non mi resta che augurarvi un buon anno a tutti i e soprattutto…………..BUON ASCOLTO!!!!!!!

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti:

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.